Franco Monari 
cv / contact
here's some pics from my studio
I take picture while I go around



Paintings I made thinking about Poland during the first two years of the pandemic (2020-2022)      

Teraz przyszła kolej na mleko
(Now it's the turn of the milk)


oil on canvas
70 x 100 cm
2020
Teraz przyszła kolej na mleko
(Now it's the turn of the milk)


- detail -
Teraz przyszła kolej na mleko 2
(Now it's the turn of the milk 2)


oil on canvas
35 x 45 cm
2021
Upominki dla uczestników balu
(Gifts for prom's participants)


oil on canvas
70 x 100 cm
2021
Upominki dla uczestników balu
(Gifts for prom's participants)


- detail -
Koszula im. Jarosława Dąbrowskiego
(Jarosława Dąbrowskiego Shirt)


oil on canvas
40 x 50 cm
2021
Halo Gdansk


oil on canvas
70 x 50 cm
2021
Dyscyplina osobista, dyscyplina technologiczna
(Personal discipline, technological discipline)


oil on canvas
80 x 80 cm
2021



oil on canvas
40 x 50 cm
2021



- detail -



oil on canvas
60 x 70 cm
2021
Są szklanki, ale nie do herbaty
(There are glasses, but not for tea)


oil on canvas
70 x 100 cm
2021



oil on canvas
50 x 70 cm
2021


___



Franco Monari - Lodz (flowers)
Flowers in the window (in Łódź)
 
oil on canvas
70x50 cm
2020






Franco Monari - Wroclaw (flowers)
Flowers in the window (in Wrocław)

oil on canvas
70x50 cm
2020







Exhibition view
group show “Come se niente fosse”,
Artfarm Pilastro 20esima Edizione 
(2021)


___






[...] Importante è anche l’iconizzazione dell’oggetto trapiantato e ricostruito, riprodotto nell'immagine fotografica che lo rende iconico, degno di essere rappresentato e ricordato.  Anche se gli oggetti rappresentati sono indefiniti, senza un'identità ben chiara e la loro collocazione temporale rimane enigmatica, acquisiscono la capacità di accendere l’immaginazione. Essi diventano la rovina che, citando Auge “sfugge al tempo reale”,  quella che riesce a risvegliare nello spettatore “la coscienze della mancanza” e diventa per ciascuno spettatore il proprio simbolo del tempo perduto o del desiderio ancora da costruire. [...]

[...] Important is also the iconization of the transplanted and reconstructed object, reproduced in the photographic image that makes it iconic, worthy of being viewed and remembered. Even though the objects represented are indefinite, without a clear identity, and their location in time remains enigmatic, they acquire the ability to trigger imagination. They become “the ruin” that quoting Marc Auge "escapes real time", the one that manages to awaken in the viewer "the consciousness of what’s missing" and becomes for each spectator his own symbol of past time or desire still to build. [...]

(estratto testo di Spela Zidar per la mostra “Detriti”, Saci, Firenze 2020)

Testo critico di Spela Zidar

___



Exhibition view
group show “Per quanto tempo è per sempre”,
Ex Celle Frigo - Prato
(2020)

[...] Conservare, cristallizzare la materia (e non solo), per una artista contemporaneo vuol dire spesso far riferimento al mantenimento virtuale, e non, di memoria e tempo. Come in una cella frigo abbiamo un perenne circolo tra acqua e ghiaccio, tra fluido e solido, i concetti di scioglimento e trasformazione diventano terreni fertili di produzione, che aprano una riflessione sul senso metaforico del congelamento, dello stanziamento e dellimmobilità. [...]
(estratto testo di Leonardo Moretti e Spela Zidar per la mostra “Per quanto tempo è per sempre”, Ex Celle Frigo, Prato 2020)


___




                              
Rimanenze di me  
(2020 during covid-19 quarantine period)



___





 
Exhibition view
group show “Ars Gratia Artis”,
Galleria ArteSi - Modena
(2019-2020)


                      


___





Coag_W4  
(2018-2019)


___






Zeichen  
(2018-2019)
Serie fotografica ispirata alla casa-baracca del poeta Valentino Zeichen.
Photographic series inspired by the house of the poet Valentino Zeichen


___




Ritratto rosso
(2018)


___





Exhibition view
Franco Monari, “Il cielo non importa” solo show,
Spazio Contemporanea - Brescia
(2018)

[...] “In fondo le rovine paiono uguali a chi non le conosce, eppure esse raccontano i mondi precedenti, la presenza della mano di un uomo, il vigore assassino o liberatorio nell’atto di sparare, picchiare con una mazza o far detonare una carica di esplosivo”.
[...]
(estratto testo di Maurizio Bernardelli Curuz per la mostra “Il cielo non importa”, Spazio Contemporanea, Brescia 2018)


Catalogo editato in occasione della IX edizione del concorso darte contemporanea Premio Nocivelli per la mostra personale di Franco Monari Il cielo non importa (Brescia, Spazio Contemporanea, 2018) - a cura di Maurizio Bernardelli Curuz, testi di Alessandra Galletta e Maurizio Bernardelli Curuz

Testo di Alessandra Galletta
Testo critico di Maurizio Bernardelli Curuz


___





Exhibition view
Franco Monari, Amor Loci solo show,
Galleria ArteSi - Modena
(2018)

[...] “Tutti i soggetti di Monari sono i loro corpi, o ciò che ne resta, e sono posti al centro, come protagonisti in carne e ossa di una narrazione silente. Hanno un che di monumentale, nonostante il loro essere dimesso, per nulla sontuoso né compiaciuto. [...]
(estratto dal testo di Cristina Muccioli per la mostra “Amor Loci”, Galleria ArteSi, Modena 2018)

Testo critico di Cristina Muccioli


___





Il cielo non importa  
(2017-2018)
Fotografie still life
Still Life photographys



___



PREMIO NOCIVELLI VINCITORE ASSOLUTO





Magnitudo  
(2017)
Fotografie still life ispirate al terremoto dell'Emilia del 2012
Still Life photographys inspired by the earthquakes occurred in Emilia in 2012



___



Senza titolo / bianco con legno /  
(2017)




I lavori nati nel periodo 2017-2020 sono il risultato di un processo creativo che prevede la realizzazione di fondali e piani di posa, oltre a piccoli manufatti in polistirolo e gesso che Monari ha usato come oggetti di scena per le sue fotografie. In questi lavori Monari tratta questioni relative il trascorrere del tempo e la memoria, unendo fotografia, pittura e oggetti, creando un'opera intensamente personale e biografica.