Franco Monari



Il cielo non importa

(photography, 2017-2018)

Franco Monari

L’artista Franco Monari realizza fotografie di quelli che definisce “paesaggi interiori”. Utilizzando polistirolo, stucco, vernice spray, nylon e legno, Monari costruisce un universo di luoghi in cui non ci sono dettagli, ma solo l’essenza delle forme e dei colori. Il risultato è un’atmosfera metafisica, indefinita, in cui lo spazio è avvolto da un silenzio immobile. Sono paesaggi che l’autore ha visto, nei quali ha vissuto o semplicemente con i quali ha instaurato un intimo legame.

“Ho in mente un’idea di poesia visiva che spesso il mezzo fotografico non mi permette di raggiungere” – spiega Monari. “Dovrei dipingere, ma la pittura ha dei tempi troppo lunghi. La fotografia è più rapida, ma memorizza dettagli inutili. Il mio approccio mi permette di prendere in mano i miei ricordi, modellarne la forma ed i colori, per poi fissarli in una fotografia che diversamente non riuscirei ad ottenere”.



Franco Monari - VAROSHA     

     
Varosha, 2018
series of 4 images


____________



Franco Monari - Berlin Mauer

     Franco Monari - BERLIN
Berlin, 2018
series of 3 images



____________



 
     Venezia, 2018


____________





      

      
Polonia, 2018
series of 12 images


L’artista Franco Monari realizza fotografie di quelli che definisce “paesaggi interiori”. Utilizzando polistirolo, stucco, vernice spray, nylon e legno, Monari costruisce un universo di luoghi in cui non ci sono dettagli, ma solo l’essenza delle forme e dei colori. Il risultato è un’atmosfera metafisica, indefinita, in cui lo spazio è avvolto da un silenzio immobile. Sono paesaggi che l’autore ha visto, nei quali ha vissuto o semplicemente con i quali ha instaurato un intimo legame.
“Ho in mente un’idea di poesia visiva che spesso il mezzo fotografico non mi permette di raggiungere” – spiega Monari. “Dovrei dipingere, ma la pittura ha dei tempi troppo lunghi. La fotografia è più rapida, ma memorizza dettagli inutili. Il mio approccio mi permette di prendere in mano i miei ricordi, modellarne la forma ed i colori, per poi fissarli in una fotografia che diversamente non riuscirei ad ottenere”.